AMICI DEL PRESEPE

(home)

Fino da quando San Francesco mise in opera il suo progetto di rappresentare la nascita di Gesù, "il Cristo", tutte le genti di fede cristiana, singolarmente o riunite in comunità, associazioni, gruppi di lavoro, ma soprattutto famiglie hanno sentito la necessità spirituale di costruire, rappresentare, quindi tramandare, l’evento della nascita di nostro Signore Gesù.

E proprio in una famiglia si svolge questa storia di avvento.

Passate sono le stagioni, la primavera traboccante di fiori e di gente. L’estate trebbiatrice e foraggiera, sicurezza per l’uomo e gli animali. L’autunno tiepido ricco di fermenti e di conserve. Di colpo un vento freddo gli annuncia l’inverno.

Si accende il camino un unico tepore per tutta la famiglia lì tutti si riuniscono: donne uomini vecchi e bambini che sono sempre stati indaffarati nelle loro cose. Il freddo li riunisce come pesci in una rete, grandi e piccini. Una madre "donna padrona del focolare" chiama i suoi bambini e dice loro: "Ecco è giunto il momento di costruire il presepe. Prendete ciò che vi occorre! Questi sono gli oggetti del passato, qui in questo cantuccio costruite il nuovo presepe!". I bambini armati di innocente passione si dividono i compiti, oppure tutti assieme cominciano la sacra rappresentazione. Per fossi e siepi a cercare il muschio più bello e poco importa se lo trovano sotto la neve, nella legnaia scelgono il legno che più si adatta: sarà la grotta, la natura l’ha già fatta. Un po’ di segatura farà la sabbia, il piccolo rametto sarà un albero e più rametti una foresta. Quattro pietre, un po’ di carta e’ una montagna alta alta.

Questa bella scena ora accoglie le figure che il nonno e la nonna hanno visto da bambini.

La sacra famiglia col bue e l’asinello, i pastori con le pecorelle costruite dal più grandicello, tante cose hanno fatto o faranno, anche la mamma mette un angelo ricamato, il papà con una treccia di paglia fa la cometa, che guiderà a quella grotta, tre re dai nomi strani.

Tutto è finito, il vecchio ricreato nel nuovo, la famiglia aspetta riunita e quella madre attenta e indaffarata risponde ancora al più piccino che chiede: "Mamma, quando viene Gesù bambino?".

(Racconto di Roberto Cazzoli)

 

Alcune persone della nostra parrocchia si dedicano alla costruzione del presepe principale, tradizionalmente esposto in occasione del Santo Natale all'interno della Collegiata. Nel tempo tanti si sono avvicendati per questo scopo. Il gruppo "Amici del presepe" è sempre alla ricerca di persone di tutte le età disposte a collaborare prestando la propria opera e magari la propria capacità artistica per realizzare composizioni sempre più pregevoli.

Il gruppo “Amici del presepe” è quindi aperto a tutti. Oltre che realizzare il presepe esposto nella Collegiata, il gruppo intende promuovere ed aiutare a comporre gli allestimenti che vengono poi proposti come “mostre e rappresentazioni in piazze o monumenti dell’area pievese”.

La parte progettuale tecnica e costruttiva viene eseguita in spazi messi a disposizione dell’amministrazione comunale.

Per il Natale 2012 a causa del terremoto il presepe non ha potuto essere realizzato all'interno della Collegiata, ed è stato esposto sul sagrato.

Dal Natale 2013 il presepe viene collocato all'interno della chiesa provvisoria.


Per saperne di più: Roberto Cazzoli (334 8575028).

 

Vedere pagina sui presepi a Pieve (cliccare)